1/2 Dicembre 2018 a TORINO: Corso Base e Stage di Educazione alla Cinofilia Naturale!!
Sabato 1 e Domenica 2 Dicembre 2018   Corso Base e 6° STAGE di 2 giorni di Educazione alla CINOFILIA NATURALE Organizzato presso il Golf Club - Royal Park "I Roveri" Rotta Cerbiatta 24 - Fiano (TO) dall’ Istituto di Cinofilia Naturale FICG con la possibilità d... CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO ยป
<span style="font-family: arial, helvetica, sans-serif; color: #000000; font-size: 10pt">1/2 Dicembre 2018 a TORINO: Corso Base e Stage di Educazione alla Cinofilia Naturale!!</span>
CULTURA CINOFILA

Cani e i bambini

Pur essendo padre di due figlie cresciute fin da piccole con i miei cani (senza mai incontrare problemi), posso garantirvi che non esiste un solo motivo per cui il cane (animale) debba amare un bambino (cucciolo di uomo) se quest’ultimo non rappresenta un esplicito vantaggio per la sopravvivenza dell’animale.
I cani non sono in grado di provare per noi gli stessi sentimenti affettivi che noi proviamo per loro: loro sono “solo” animali, mentre noi esseri umani!
L’unico scopo di vita di un cane è quello di riprodurre la specie e non sarà sicuramente con un bambino in crescita che potrà soddisfare questa sua esigenza, quindi a livello di interesse specifico, il cane è molto più favorevole a crescere con un cucciolo di cane (specialmente se di sesso opposto) che con un “cucciolo di uomo”.
 
Sono però molti i casi in cui i cani sanno instaurare ottimi rapporti con i bambini della famiglia che li adotta, questo perché anche loro contribuiscono alla somministrazione del cibo, e quindi riescono a soddisfare il loro “bisogno” di sopravvivenza.
Anche la statura più contenuta che hanno i bambini, i loro atteggiamenti infantili, una postura meno dominante di un adulto e atteggiamenti caratteriali più pacifici e privi di qualsiasi stress, contribuiscono a creare un buon rapporto fra il bambino e il cane di famiglia, poiché l'animale vede in loro soggetti poco pericolosi di cui è facile fidarsi.  A questo si può ancora aggiungere che gli animali da branco sono molto predisposti a instaurare rapporti di buona convivenza con tutti gli altri soggetti che appartengono alla comunità in cui vivono e desiderano riprodursi. In pratica, il cane è portato a pensare che se nella famiglia ci sono anche i bambini, è probabile che anche loro possano servirgli per sopravvivere.
 
Un buon genitore non deve mai basarsi su quanto vede nei film proiettati al cinema o alla tv, quelle sono solo storie fantastiche create per far sognare gli spettatori!
I bambini possono crescere senza problemi con i cani di famiglia ma è assolutamente necessario che i genitori non s’illudano mai che fra i loro figli e i cani si possano instaurare gli stessi rapporti affettivi possibili fra gli umani.
 
Più il cane dimostrerà forte dipendenza dal suo padrone che gli somministra i pasti, più sarà facile che si manifesti interessato a instaurare buoni rapporti di convivenza con i bambini della famiglia: capirà presto che anche loro potranno diventare degli utili datori di cibo. E’ invece molto importante che il cane non venga mai a considerare i bambini della famiglia come dei potenziali concorrenti al suo cibo, altrimenti cercherà di allontanarli per il timore di non poter sopravvivere. Il miglior sistema per evitare che si creino queste incomprensioni è MODERARE MOLTO il gioco fra i cani di famiglia e i bambini in crescita.
 
I cani più affidabili con i bambini sono sempre quelli più estroversi, ovvero quei soggetti che tendono a esternare facilmente il loro dissenso (con ringhi, abbai, etc.) nei confronti di chi gli sta creando problemi. Quelli apparentemente molto sottomessi si dimostrano spesso i meno affidabili.

Come regola generale è sempre meglio evitare di introdurre cuccioli troppo piccoli in famiglie dove sono presenti bambini di età inferiore a 10 anni, specialmente se questi ultimi si dimostrano molto vivaci. Per i bambini piccoli sono molto più indicati i cuccioloni di buon carattere con almeno 6 mesi d'età.
I bambini e i cani di famiglia sono capaci di instaurare degli ottimi rapporti di convivenza basati su una profonda intesa reciproca, cosa che spesso viene rovinata dall’apprensione dei genitori che contribuiscono al deterioramento del rapporto.
Va invece escluso categoricamente che un cane possa provare lo stesso interesse per i bambini estranei alla famiglia (tipo gli amici dei figli) coi quali è sempre meglio non abbia rapporti. La falsa credenza che il cane possa vedere tutti i bambini come dei “suoi cuccioli” e quindi provare per loro teneri sentimenti, è una delle stupidaggini più pericolose che è riuscita a inventare la cinofilia moderna ed è anche la principale causa di molti gravi incidenti che hanno purtroppo caratterizzato gli ambienti domestici in questi ultimi decenni.
 
Il cane può sicuramente instaurare un buon rapporto con i bambini di famiglia, ma è necessario un percorso oculato da parte dei genitori che sappiano insegnare ai loro figli il rispetto di alcune regole fondamentali.



 

CORSI E STAGE IN TUTTA ITALIA
con data a scelta dei partecipanti!!
Educazione alla
CINOFILIA NATURALE

con esami per ottenere la qualifica di

Educatore di Cinofilia Naturale



















Consulenti cinofili, Educazione cinofila, Addestramento, Educatori Cinofili, Addestratori , Consulenza Cinofilia,Verbania, Alessandria, Asti, Biella, Novara, Torino, Vercelli, Aosta, La Spezia, Genova, Imperia, Savona, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Sondrio, Varese, Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza, Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine, Bolzano Alto Adige, Trento, Bologna, Ferrara, Forlì Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena, Perugia, Terni, Ancona, Ascoli Piceno, Macerata, Pesaro Urbino, L'Aquila, Chieti, Pescara, Teramo, Campobasso, Isernia, Frosinone, Latina, Rieti, Roma, Viterbo, Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno, Matera, Potenza, Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa, Trapani, Cagliari, Nuoro, Oristano, Sassari. Consulenti cinofili, Educazione cinofila, Addestramento, Educatori Cinofili, Addestratori , Consulenza Cinofilia Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, San Marino.